applicazioni-ios

Acquisti online: come si comportano gli italiani

Lo shopping sta cambiando, si sta evolvendo. Grazie a uno studio di https://www.insottocosto.it/ vediamo come.

Anche in Italia. Come? Grazie ad Internet, ovviamente. In tutto il mondo si è innescata una sinergia tra mercato offline (gli store fisici delle nostre città) e mercato offline (tutte le piattaforme di vendita sul web) e oggigiorno sono sempre di più gli italiani che acquistano anche per via digitale… Ma cosa acquistano? Con questo articolo ci riproponiamo di fornire una breve panoramica di quelle che sono le abitudini del Bel Paese in fatto di compra-vendita sul web, di capire insomma come si comporta – in media – l’italiano in merito agli acquisti online. (more…)

Read More

schema di posizionamento d un ripetitore wifi

Il ripetitore WiFi: la soluzione definitiva al segnale debole

Chi può fare a meno dell’amico WiFi al giorno d’oggi? Nessuno o quasi.

Certo, perchè il segnale WiFi è un’onda magnetica che, se propagata in un ambiente libero da barriere, permette ad un numero di utenti di usufruire della rete senza avere cavi in mezzo alle scatole o stando lontani dal router.
Oramai estendere il segnale wifi è una necessità sempre più richiesta vista la mole di iPhone e iPad in nostro possesso. Quanti di noi, infatti, possiedono un iPad per lavorare e si innervosiscono quando il segnale WiFi non gli permette di scaricare un importante allegato? La soluzione è proprio quella di aumentare il segnale wifi installando un ripetitore wifi.

Spesso inoltre, soprattutto nelle case e negli edifici molto nuovi o molto vecchi, dove i muri sono spessi e fanno da barriera al segnale WiFi, nasce l’esigenza di aumentare il segnale WiFi in modo concreto.

Molti di noi infatti posizionano il router WiFi, come consigliato dai gestori, sulla presa principale che spesso però è posizionata lontana dal luogo dove a noi effettivamente serve e così ecco che arriva in aiuto un ripetitore WiFi.

Il ripetitore WiFi è effettivamente la soluzione al segnale WiFi debole? Sì.
Ce lo spiega Marco, addetto vendite di una nota catena di informatica, “Quando qualche anno fa sono usciti i primi ripetitori WiFi chiamati anche Range Extender, non credevamo potessero spopolare in questo modo.
Sempre più clienti mi chiedono come aumentare il segnale WiFi ma soprattutto un sistema che sia semplice anche da configurare per poter estendere il segnale laddove questo sia debole e poco performante.
Molti di questi clienti hanno casolari in campagna, piuttosto che case di recente costruzione dove i muri sono molto spessi e filtrano il segnale fino a quasi neutralizzarlo.
È utile ricordare che, per una corretta propagazione del segnale è importante definire nello spazio della casa, il ripetitore wifi va posizionato a circa metà dello spazio che intercorre fra il router principale e l’area dove si vuole ricevere il segnale migliorato. Spesso infatti i clienti tendono a nascondere il router perché antiestetico andando così a schermare ancora di più il segnale generato. Inoltre, dopo aver posizionato il ripetitore e generato la nuova rete è buona norma fare un test di velocità per verificare che sia tutto regolare.”

Considerando infine il fattore Spesa, un ripetitore WiFi per uso domestico non supera mai i 40 Euro,  sfruttando alcune offerte nei migliori store. Tuttavia, prima di acquistare, puoi consultare le migliori recensioni sui modelli cliccando su ripetitorewifi.it.
Alcuni ripetitori wifi si possono acquistare stando al di sotto dei 30 Euro con garanzia del produttore di 24 mesi. Un occhio di riguardo lo butterei su quei ripetitori WiFi con una presa di rete che, sfruttando appunto la presa stessa, permette di collegare in locale una periferica dotata solo dell’entrata Rj-45 e sfruttarne la condivisone tramite WiFi.

Read More

casioga100-a2er

Casio presenta lo SmartWatch contro Apple

Apple è da sempre sinonimo di eleganza, design e potenza anche per quanto concerne gli Smart Watch. Vediamo come casio si sta insediando in tale mercato altamente competitivo.

SMART OUTDOOR WATCH WSD-F10BKAAE

Grazie alla redazione di http://www.orologicasio.com/ possiamo illustrarvi un nuovo Smart Watch di casa Casio che fa concorrenza all’ Apple Watch di Apple

L’orologio della casio è un primo approccio molto moderno a questa nuova tecnologia con tante funzionalità e sicuramente un prezzo non basso.

E’ un orologio dal design unico e leggero dotato di diverse funzionalità integrate tra cui  una Alimentazione Al quarzo (batteria) Display Digitale Funzioni Multifunzione Impermeabilita’ 50 mtwater resistant, altimetro, barometro e funzionalità multimediali.

Il suo corpo in metallo e resistente con unaStruttura impermeabile fino a 50 metri è conforme alle norme militari statunitensi MIL-STD-810G ed è dotato di unDisplay con struttura a due strati

Si integra appieno con diverse applicazioni Android e può essere usato come attività di allenamento

Insomma casio si è data molto da fare per presentare un prodotto unico, bello e valido… e non compatibile con Apple 🙂

Casio Vs Apple

Casio ha iniziato la lotta a apple e alle grandi potenze nel campo degli SmartWatch ma ovviamente c’è ancora moltissima strada da fare.. pero l’orologio presentato è qualcosa di sicuramente innovativo, nuovo bello e robusto. Stiamo parlando di Orologi dal design unioco e soprattutto resistente.

E’ adatto a molti sport e quindi ideale per chi ama l’aria aperta. Da parte sua apple ha il vantaggio di avere dei prodotti dal design unico e anche se davvero cari che colpiscono le masse.

Casio stà cercando di coinvolgere per ora gli sportivi e appassionati di corsa, ciclismo e pesca con un software adatto a loro. La battaglia si è accesa e sicuramente ne vedremo delle belle!

Read More

hard disk interni ed esterni

Come scegliere i migliori Hard disk per Mac

L’utilità di un hard disk, ovvero il dispositivo di memoria esterno è indiscutibile, per qualsiasi uso se ne voglia fare.

Che si tratti di un dispositivo atto a fare da tramite per trasferimenti o per immagazzinare dati e tenere l’hard disk interno del proprio computer quanto più pulito possibile, avere uno o più dispositivi di memorizzazione è un comfort da non sottovalutare.
Negli ultimi anni, con la sempre più grande mole di dati trattati, si è passati dall’utilizzare le classiche pendrive a fare affidamento sugli HDD esterni, che oltre ad avere un buon rapporto qualità-prezzo hanno una struttura più solida e più attinente a conservare dati in maniera sicura.
Per chi non ha grande esperienza nel campo, però, l’acquisto di un modello adatto alle proprie esigenze può diventare ostico.
Ecco perché in questa guida verranno presentati alcuni tra i migliori modelli da 1TB disponibili ad un costo non eccessivo.
I modelli sono presenti sul sito Yeppon.it, che offre diversi sconti per quanto riguarda questa categoria.

Hard disk Toshiba HDTB310EK3AA

Offerta Hard disk. Modello della Toshiba che punta molto sul prezzo per battere la concorrenza.
– La capacità del modello è di 1 TB (anche se, in realtà, si parla di 1000GB contro i 1024GB che compongono 1TB).
– L’interfaccia è una Serial ATA III, con la presenza di un USB 3.0 per una migliore velocità.
– Le dimensioni sono di 6.35 cm, ovvero 2.5”, da 11.9×7.9×1.5 centimetri in quanto a lunghezza per larghezza per spessore, il tutto a 230g.
– La velocità di rotazione è di 5400 giri per minuto, con un buffer di 16MB.
– Il prezzo iniziale è di 89,00 euro, ma con uno sconto del 47% scende a soli 46,99 euro.
Sicuramente un modello che punta a dare prestazioni nella media per chiunque sia interessato ad un hard disk esterno ad un costo molto contenuto.

Hard diskWD WDBUZG0010BBK-EESN

Modello simile al precedente questo della Western Digital, con un costo leggermente superiore.
– Anche qui, la capacità del modello è di 1000GB contro i 1024 effettivi anche se si deve considerare che in alcuni modelli i 24GB sono adibiti ai file di sistema del dispositivo.
– L’interfaccia adibita al trasferimento è la 3.0, oramai standard per tutti i modelli recenti di hard drive esterno.
– Le dimensioni sono di 2.5”, precisamente di 11.1×8.2×1.5 in quanto a lunghezza, larghezza e spessore, a 130g.
– La velocità di rotazione è di 5400rpm, con un buffer di 8MB.
– Le velocità sono rispettivamente: velocità di trasmissione a 600Mbit/s e velocità di trasferimento dati a 5000Mbit/s.
– Presente un software di backup proprietario della WD in prova gratuita.
– Il costo sarebbe di 120,99 euro che, scontato del 51%, scende a 58,99 su Yeppon.
Modello leggermente più performante rispetto a quello precedente, ma con un leggero sovrapprezzo.
In questo caso probabilmente il gioco vale la candela.

Read More

lead-generation-01

Apple e Lead Generation: scopriamo perché l’azienda di Cupertino ha tanti seguaci (e di conseguenza vendite)

Iniziamo subito col chiarire che Apple non ha clienti, ha dei veri seguaci, anzi, ancora meglio, ha dei fan! Ma che cosa rende quest’azienda così unica, quale tipo di magia utilizza per avere sempre nuovi clienti e farsi letteralmente adorare da quelli già fidelizzati? Per capire bene tutti i processi che ha attuato il colosso di Cupertino, però, bisogna fare un salto temporale fino a incontrare un giovane Steve Jobs, che a buon titolo viene considerato uno dei padri della lead generation e che fin da subito ne ha compreso il ruolo fondamentale.

Il concetto di target profilato

Una delle cose che ha compreso Steve Jobs è stata l’importanza di non sprecare energie e risorse, ma che sarebbe stato decisamente più remunerativo concentrarsi su contatti utili, quindi un target altamente profilato. Non avrebbe avuto senso, infatti, disperdere tempo e fatiche e non ottenere il ritorno pianificato. Il concetto sposato da Steve Jobs è lo stesso che viene applicato oggi giorno quando si fa lead, soprattutto quando si tratta di campagne che comportano l’investimento di un certo budget, come le pay per click, dove un click di un contatto disinteressato e che abbandona subito il sito è considerato una perdita.

E allora si cerca di scremare in partenza, proprio dai contatti. Verranno attratti solo quelli che vengono reputati davvero interessati a un servizio o prodotto, ed è esattamente quello che Apple ha fatto negli anni, e non solo, ha “nutrito” e coccolato questi contatti al punto da farli convertire praticamente tutti, o comunque un’altissima percentuale, in clienti.

Apple non vende servizi, vende sogni

Una delle carte vincenti dell’azienda è stata quella di prevenire i bisogni dei clienti, creando non quello che serve ora, ma quello che servirà in un prossimo futuro, anticipando i desideri dei propri seguaci, o forse, non senza una nota di malizia, creando bisogni che prima non si avevano. Ma è l’approccio al mercato che ha reso davvero unica Apple. Quanta pubblicità si vede in giro di questo brand? Poca, perfino sui social, ambiente particolarmente fertile per le campagne di web marketing. Eppure Apple sembra quasi snobbarlo. Ma non è così di fatto. In questo caso Apple sfrutta una delle attività di lead più economiche, il referral marketing, ovvero, il passaparola.

Non vediamo pubblicità della Apple, ma vediamo continuamente i nostri contatti che più o meno consapevolmente promuovono il brand e i suoi prodotti. Per capirci, basta semplicemente che un contatto ci scriva “Hey ciao, sono dal mio iPhone” per dire che ci sta scrivendo dal suo smartphone. Sì, perché anche questa sorta di metonimia operata da Apple è ormai diventata la normalità, si nomina l’oggetto Apple non l’oggetto generico.

La chiave del successo

La chiave del successo di Apple è in summa il suo saper fare lead generation, anche e soprattutto attraverso le recensioni positive dei suoi seguaci e, cosa non da poco, anche mediante l’utilizzo di testimonial con un grande seguito come personaggi del jet set di Hollywood.

Scopri come fare lead generation, forse non diventerai come Apple, ma aumenterai le vendite della tua azienda!lead-generation-02

Read More

Consigli Per Gli Acquisti di Accessori Compatibili Apple?

Consigli Per Gli Acquisti di Accessori Compatibili Apple?

Consigli Per Gli Acquisti di Accessori Compatibili Apple? Esiste un sito, dedicato al mondo della tecnologia e dei prodotti Apple, all’interno del quale è possibile trovare moltissime recensioni sui prodotti Apple e su vari accessori del mondo high tech: dai droni agli smartphone, passando per smartwatch, hard disk e molto altro ancora.

Stiamo parlando di Apple Notizie, un sito internet dedicato alla tecnologia dove, già da qualche tempo, non vengono più pubblicate le classiche news dal mondo della tecnologia, ma moltissime recensioni e consigli per gli acquisti di accessori e prodotti dal mondo high tech, con delle indicazioni sui prodotti che è possibile trovare su Amazon.

Ne sono un esempio le cuffie economiche bluetooth per iPhone (compatibili in realtà con qualsiasi smartphone): Apple notizie è riuscita a trovare un paio di cuffie dal prezzo davvero basso e con un ottimo rapporto qualità – prezzo, spiega quali sono i punti di forza (ed i punti deboli, cercando sempre di essere critica e precisa) per chi è in cerca di cuffie wireless/bluetooth/senza fili.

Interessanti anche le numerose partnership che questo sito ha stretto con diversi produttori di accessori e cavi compatibili/certificati che possono essere acquistati a prezzi più bassi: insomma se stai cercando un sito con dei consigli pratici su prodotti tecnologici di qualsiasi natura, fare un salto su Apple Notizie sicuramente ti darà una mano a scegliere gli acessori migliori.

Se vuoi sapere quali gadget il tuo smartphone dovrebbe avere, ecco una breve lista:

  • Olloclip o lenti per potenziare la fotocamera e sfruttare il tuo smartphone al massimo
  • Custodie indistruttibili che proteggono lo smartphone da urti e graffi
  • Pellicole salva schermo protettive (abbiamo di recente letto una recensione di Topaz davvero interessante)
  • Cavi di ricarica/alimentazione (i cavi lightning sono sempre troppo pochi, specialmente quando ci troviamo in giro ed abbiamo dimenticato il caricabatterie a casa!)
  • Selfie stick (un must per gli amanti delle fotografie)
  • Cuffie bluetooth (davvero comodissime per chi ama ascoltare musica) o cuffiette da portare sempre in giro
  • Smartwatch compatibili con l’iPhone
  • Casse portatili per ascoltare la musica con gli amici

Tutto questo e molto altro ancora!

Read More

Apple iWatch

iWatch: Apple sarebbe al lavoro su un orologio intelligente?

iWatch: Apple sarebbe al lavoro su un orologio intelligente?
iWatch: Apple sarebbe al lavoro su un orologio intelligente?

Secondo diverse indiscrezioni, Apple sarebbe al lavoro un un ipotetico dispositivo da braccio, che prenderebbe il nome di iWatch. L’orologio della società di Cupertino dovrebbe essere un orologio intelligente, in quanto dovrebbe essere dotato del sistema operativo iOS (come tutti i prodotti Apple), grazie al quale sarà capace di integrarsi con gli altri dispositivi Apple (iPhone, iPad, iPod Touch) per visualizzare SMS, chiamate in arrivo, notifiche e molto altro. Secondo quanto trapelato dal Journal Street, che ha avuto un’esclusiva sui prodotti Apple del prossimo anno, l’iWatch potrebbe essere lanciato in commercio addirittura entro il 2013, riuscendo in questo modo ad anticipare tutti i concorrenti. La mossa, secondo gli analisti, permetterebbe ad Apple di accaparrarsi una fetta di mercato ancora maggiore, dato che il futuro sarà probabilmente degli smartwatch.
Secondo Bloomberg invece, che conferma che la società californiana sia alla lavorazione dell’iWatch, la commercializzazione non dovrebbe avvenire prima della metà del 2014, in quanto i lavori sarebbero più lunghi del previsto. L’orologio intelligente sarebbe infatti ancora solamente nella fase di progettazione, ed un eventuale sviluppo non potrebbe avvenire in tempi troppo brevi.
Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, non si hanno informazioni, oltre al fatto che verrà utilizzato interamente il vetro Gorilla Glass per la realizzazione dell’orologio. La caratteristica di questo vetro è quella di essere decisamente più resistente rispetto al vetro tradizionale, dato che è lavorato appositamente per resistere agli urti e alle cadute. A quanto si sa inolte, il progetto dell’iWatch sarà seguito da una serie di designer, manager ed ingegneri che hanno già lavorato in passato su iPhone ed iPad.

Non ci resta che aspettare altre notizie da parte di Apple, in modo tale da sapere di più su questo gioiello di tecnologia.

Read More

Apple iGlass

iGlass: anche Apple starebbe lavorando a degli occhiali intelligenti?

iGlass: anche Apple starebbe lavorando a degli occhiali intelligenti?
iGlass: anche Apple starebbe lavorando a degli occhiali intelligenti?

Anche se non è stato ancora rilasciato nulla di ufficiale, pare che anche Apple stia lavorando, o almeno abbia iniziato a pensare a un dispositivo simile ai Google Glass, gli occhiali intelligenti già pubblicizzati da tempo al pubblico dalla società di Mountain View. A fornirci queste indiscrezioni è proprio la società di Cupertino, che ha registrato tempo fa il brevetto USA 8212859, con il nome “Peripheral treatment for head-mounted displays”, ovvero periferica per display montato sulla testa. La descrizione del brevetto è poi ancora più esplicita, in quanto indica che il dispositivo in questione riuscirà a proiettare un’immagine migliorando l’esperienza di visione della realtà.
A dire il vero però, la registrazione del brevetto in questione risale al 2006, anche se la notizia è stata trapelata solamente poco tempo fa. Il tutto ci fa intuire quindi che l’idea è stata migliorata dal momento della registrazione del brevetto, anche se non ci è concesso sapere i dettagli.

L’intenzione di Google è quella di lanciare i Google Glass entro il prossimo anno al pubblico, mentre la versione beta per gli sviluppatori è già stata distribuita il mese scorso. Per sapere quando Apple inizierà la propria distribuzione bisognerà attendere una presentazione ufficiale o qualche altro rumors, anche se gli esperti dicono che probabilmente già nel 2014 sapremo qualcosa di più.
Che gli iGlass siano già in sviluppo?

Probabilmente si, anche se non ci è concesso saperlo. L’elemento che preoccupa il pubblico è comunque il prezzo. Sebbene gli occhiali intelligenti siano un desidero di tantissime persone infatti, che non aspettano altro che questo dispositivo per far assomigliare sempre più la propria vita a quella dei film futuristici, il potenziale prezzo degli iGlass fa aumentare la preoccupazione in molta gente. La versione beta per gli sviluppatori dei Google Glass per esempio, è stata venduta alla modica cifra di 5000$. Sebbene questo prezzo sia stato messo solamente per tenere alla larga i curiosi, non è da escludere l’ipotesi che gli occhiali intelligenti di Apple possano essere venduti ad una cifra simile, almeno in un primo periodo. Basta pensare ai recenti iDispositivi, a partire dall’iPhone 5, che ha raggiunto facilmente i 1000€ per la vendita quando i vecchi modelli arrivavano malamente ai 700€.

Read More