App per gestire il tempo, funzionano?

Gestire il tempo è una delle cose più difficili della nostra epoca. Il nostro stile di vita, negli ultimi anni, si è molto modificato, assumendo ritmi sempre più rapidi. Siamo subissati dagli impegni, il tempo non ci basta mai, e quando perdiamo il ritmo, trascurando alcune incombenze, il senso di fallimento e un forte calo dell’autostima prendono il sopravento. Oggi però, grazie alla tecnologia, disponiamo di numerose app per gestire il tempo e a trovare il modo per incastrare tutti gli impegni senza perderne nemmeno uno.

App per gestire il tempo, come ti modificano la vita

Il lavoro, la palestra dei bambini, la spesa per i genitori, la riunione del condominio, ritirare gli abiti dalla tintoria, sono tutte cose che fanno parte della nostra quotidianità e che scandiscono i ritmi sempre più frenetici delle nostre giornate. Ci carichiamo di impegni, ma spesso capita che non riusciamo a mantenerli. Delle volte sovrastimiamo le nostre possibilità, delle volte, semplicemente, non riusciamo a stabilire un ordine di priorità e ci perdiamo.

Per venirci in aiuto sono state create diverse app per iPhone, per avere sempre con sé l’organizzazione della giornata. Si tratta di app che aiutano a suddividere la giornata in diversi momenti, o a blocchi di due o tre ore, o a stabilire un piano di priorità delle nostre incombenze. La domanda però è: funzionano? Tecnicamente sì, ma non è sempre tutto così facile perché non è solo una questione di determinazione.

Perché dopo un po’ si perde il ritmo

Le app per gestire il tempo funzionano, ma dopo un po’ comunque perdiamo nuovamente il ritmo, perché? Perché una volta che ci rendiamo conto di essere in gradi di prendere il controllo sul nostro tempo, ci oberiamo di nuovi altri impegni. Tentiamo di superare noi stessi, vogliamo dimostrare a noi e agli altri che siamo in grado di fare ancora di più. Ma non ci si può super impegnare per molto tempo, perché, appunto, il risultato poi è quello che abbiamo detto: si finisce con il perdere pezzi per strada.

La soluzione quindi è quella di non lasciarsi prendere la mano, Tutto sta nel capire che le app servono non per organizzare il nostro tempo in funzione degli impegni lavorativi, ma al contrario, per gestire il nostro tempo lavorativo attorno al nostro tempo quotidiano. Solo in questo modo non si rischia di perdere di vista l’importanza di avere sotto controllo il proprio tempo, incluso quello libero e da dedicare alla famiglia.

I gestionali per le aziende

Discorso a parte meritano i gestionali e i dispositivi delle aziende, come quelli di Net System Srl, che aiutano le aziende sì a gestire e organizzare il tempo, ma che sono notevolmente flessibili e permettono di essere adattati a qualsiasi attività aziendale. La differenza con le app personali sta proprio li, infatti: un gestionale è studiato e applicato sulle concrete necessità di ciascun’azienda e può essere personalizzato, al contrario delle app che invece, solitamente, nascono da un problema che ha voluto risolvere per se stesso lo sviluppatore e che quindi non sempre si adattano perfettamente alla persona che le utilizza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *