Il ripetitore WiFi: la soluzione definitiva al segnale debole

Chi può fare a meno dell’amico WiFi al giorno d’oggi? Nessuno o quasi.

Certo, perchè il segnale WiFi è un’onda magnetica che, se propagata in un ambiente libero da barriere, permette ad un numero di utenti di usufruire della rete senza avere cavi in mezzo alle scatole o stando lontani dal router.
Oramai estendere il segnale wifi è una necessità sempre più richiesta vista la mole di iPhone e iPad in nostro possesso. Quanti di noi, infatti, possiedono un iPad per lavorare e si innervosiscono quando il segnale WiFi non gli permette di scaricare un importante allegato? La soluzione è proprio quella di aumentare il segnale wifi installando un ripetitore wifi.

Spesso inoltre, soprattutto nelle case e negli edifici molto nuovi o molto vecchi, dove i muri sono spessi e fanno da barriera al segnale WiFi, nasce l’esigenza di aumentare il segnale WiFi in modo concreto.

Molti di noi infatti posizionano il router WiFi, come consigliato dai gestori, sulla presa principale che spesso però è posizionata lontana dal luogo dove a noi effettivamente serve e così ecco che arriva in aiuto un ripetitore WiFi.

Il ripetitore WiFi è effettivamente la soluzione al segnale WiFi debole? Sì.
Ce lo spiega Marco, addetto vendite di una nota catena di informatica, “Quando qualche anno fa sono usciti i primi ripetitori WiFi chiamati anche Range Extender, non credevamo potessero spopolare in questo modo.
Sempre più clienti mi chiedono come aumentare il segnale WiFi ma soprattutto un sistema che sia semplice anche da configurare per poter estendere il segnale laddove questo sia debole e poco performante.
Molti di questi clienti hanno casolari in campagna, piuttosto che case di recente costruzione dove i muri sono molto spessi e filtrano il segnale fino a quasi neutralizzarlo.
È utile ricordare che, per una corretta propagazione del segnale è importante definire nello spazio della casa, il ripetitore wifi va posizionato a circa metà dello spazio che intercorre fra il router principale e l’area dove si vuole ricevere il segnale migliorato. Spesso infatti i clienti tendono a nascondere il router perché antiestetico andando così a schermare ancora di più il segnale generato. Inoltre, dopo aver posizionato il ripetitore e generato la nuova rete è buona norma fare un test di velocità per verificare che sia tutto regolare.”

Considerando infine il fattore Spesa, un ripetitore WiFi per uso domestico non supera mai i 40 Euro,  sfruttando alcune offerte nei migliori store. Tuttavia, prima di acquistare, puoi consultare le migliori recensioni sui modelli cliccando su ripetitorewifi.it.
Alcuni ripetitori wifi si possono acquistare stando al di sotto dei 30 Euro con garanzia del produttore di 24 mesi. Un occhio di riguardo lo butterei su quei ripetitori WiFi con una presa di rete che, sfruttando appunto la presa stessa, permette di collegare in locale una periferica dotata solo dell’entrata Rj-45 e sfruttarne la condivisone tramite WiFi.